Eventi

Le Maserati Biturbo nella città dell’Auto – 40 anni dopo

By  | 

76° raduno “Biturbo Club Italia

Come molti ricorderanno, la passerella di lancio della Maserati Biturbo, per il pubblico italiano, si ebbe in occasione della 59^ edizione del Salone di Torino (dal 21 aprile al 2 maggio 1982) che fu anche l’ultimo Salone dell’automobile che si tenne nel Palazzo delle Esposizioni, presso il Parco del Valentino e poi trasferitosi, dal 1984 fino all’ultimo del 2000, al Lingotto.

25 aprile 1982 Il Biturbo esposto allo stand Maserati all’ultimo salone di Torino al Valentino

Da quell’occasione ove lo stand della Maserati fu preso d’assalto e dove fioccarono ordini per questa vettura che univa ad il richiamo del Tridente, prestazioni esaltanti ad un prezzo molto più basso di quello di una Porsche 924 turbo, sono passati 40 anni ed il Biturbo Club Italia in quest’anno importante per il modello del quale promuove la conoscenza, e la conservazione e valorizzazione, ha ideato una giornata speciale, all’insegna del patrimonio automobilistico di Torino, città dell’auto ed anche sede del club. La data scelta ed evocativa del passato, è coincisa con due opportunità collegate tra loro: l’apertura al pubblico, da pochi giorni, dell’Heritage HUB, la collezione storica di FCA Heritage, situata nel complesso dello stabilimento di Mirafiori, nell’ex-Officina 81, dove si producevano gli organi di trasmissione, e le nuove date di apertura della 39^ edizione di Automotoretrò (28 aprile – 1° maggio), la famosa fiera di auto storiche che si tiene giusto nel quartiere fieristico del Lingotto Fiere.

Il Biturbo Club Italia è uno dei primi club in assoluto che è riuscito a visitare l’Heritage HUB. A suggellare l’evento, la gradita visita dell’amico Geoffrey Decembry, uno degli stilisti, di origine belga, che porta giovane linfa al designer delle nuove Alfa Romeo. Da appassionato di veicoli storici, ha apprezzato le linee pulite ed eleganti della Biturbo presentata appunto 40 anni fa. Molta curiosità ed interesse di tutti i partecipanti per la visita agli oltre 15.000 m2 di superficie che ospitano l’esposizione di oltre 250 vetture dei marchi Fiat, Lancia (tutta la vecchia collezione che era a Borgo S. Paolo), Abarth, alcune Alfa Romeo post-1986, vari prototipi e vetture da competizione, alcune mai mostrate prima d’ora.

Da appassionati di automobili anche moderne, siamo rimasti incantati anche da quella che avrebbe potuto essere la nuova Fulvia Coupé, purtroppo rimasta allo stadio di concept.

Ma nelle due ore di visita gli occhi e la mente, hanno trovato più spunti di riflessione e pensieri sul tema automobile italiana, Torino e made in Italy. Quindi una visita sicuramente consigliata. Al termine della visita, il serpentone di Tridenti biturbati, si è diretto, come anticipato, al Lingotto dove ci è stato riservato uno spazio nel cortile prospicente l’ingresso della fiera e le vetture schierate hanno creato un’esposizione di Biturbo, dalla prima serie alla Racing, per proseguire con le Ghibli, 3200 GT ed anche una 228, nella ricorrenza del 40° anniversario del modello.

Ospite gradita una Merak SS modello’80. Ma prima della visita libera ad Automotoretrò i partecipanti hanno potuto rifocillarsi con una pranzo a menù piemontese presso l’Osteria del F.I.A.T  (Fate Infretta A Tavola) una Osteria dai sapori semplici ma buoni, con piatti di tradizione in un ambiente confortevole e familiare dove la presenza di reperti quali ad esempio un frigorifero FIAT, mascherine di modelli classici come la Fiat 128, foto d’epoca, fanno sentire l’appassionato partecipe della gloriosa storia automobilistica della FIAT a Torino. A settembre è previsto il raduno celebrativo dei 40 anni della Maserati Biturbo a Modena. Per seguire le attività del Biturbo Club Italia www.biturboclubitalia.it

Avatar

Classe ’61, sposato dal 1983 con due figli, ha esordito in ambito professionale in una emittente locale bresciana ove ha fatto esperienza a tutto campo fino ad arrivare al ruolo di segretario di produzione, per passare poi al settore commerciale Automotive dove nel 2006 ha maturato un Master in Gestione Commerciale d’Impresa. Dal 2007 si occupa in prevalenza di auto di interesse storico, sportive e da collezione. Attualmente è Project Manager della “Divisione Classic” di Franzoni Auto. Come giornalista non professionista scrive per alcune riviste di settore e si occupa anche della comunicazione aziendale per conto di alcune associazioni e club di auto storiche. Tra queste si segnala il suo contributo come Promoter della Fondazione “Giorgio Brunelli” per la Ricerca sulle Lesioni del Midollo Spinale” e la sua partecipazione attiva nel direttivo della A.A.V.S federata alla F.I.V.A. E’ inoltre Socio Onorario con incarico di Ufficio Stampa del Club Volkswagen Italia, Vice Presidente del Biturbo Club Italia, Ufficio Stampa dell’Opel Fans Italy e dell’artista Luana Raia “Eventi”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *