Eventi

Paolo Martin – Visions in design

By  | 

Definire Paolo Martin un visionario non sarebbe sufficiente a descrivere la propensione del creatore della Modulo a “vedere” il futuro e a tradurlo nelle geometrie delle sue opere. Paolo non è solo un designer che interpreta l’esigenza del momento, sfida l’interlocutore e il committente proponendo idee e  soluzioni a cui nessuno aveva pensato ma tali poi da diventare landmarks del settore, dall’automobile alla moto, dall’elettrodomestico allo yacht e non certo per l’esasperazione virtuosistica della forma ma perché riesce a liberare la forma con quella naturalezza a cui solo i geni possono aspirare. La mostra in programma a Venezia vuole quindi accompagnare il visitatore nell’evoluzione del pensiero di Paolo Martin, trasversale ai diversi settori in cui si è cimentato, in un percorso estetico e creativo potente che non mancherà di stupire e sollecitare il visitatore a riflettere sull’espressività della forma stessa.

L’ESPOSIZIONE

Da maggio a luglio 2022 sarà allestita un esposizione di 136 bozzetti del creativo Paolo Martin, a Ca’Balbi Valier Dorsoduro 866, sul Canal Grande L’evento è privato, visitabile su richiesta.

Genesi del Progetto
Paolo Martin nel 2022 decide di riordinare in un archivio organico, composto di 136 disegni originali, gran parte della sua opera. Alessandro Sammartini invita Martin ad una prima espositiva di questa collezione a Venezia.

Perché a Venezia
L’indicazione di Venezia è scelta dall’intenzione di far risaltare in purezza la matrice creativa dell’autore, isolandola dai contesti settoriali, storici e materiali a cui è inevitabilmente ovvio ricondurlo.
Si va’ in mostra sul Canal Grande, a Ca’Balbi Valier, per un periodo sufficiente a mostrare, fotografare e far percepire il percorso e l’esperienza creativa di Martin.

La mostra
La mostra “VISION IN DESIGN “espone oltre cento schizzi e disegni autografati dallo stilista, corredati da alcuni modelli originali ed una video intervista. E’ la prima rassegna in assoluto in cui Paolo Martin espone in forma visiva il compendio dei propri lavori, spaziando dagli oggetti più semplici ai capolavori che hanno contribuito in modo indelebile a divulgare la creatività italiana in tutto il mondo.
L’operare di Martin spazia senza confini di settore tematico, acceso da vitale curiosità e la sua creatività delinea con piglio deciso le soluzioni alle sfide progettuali che l’esperienza gli propone.
E’ alla comunità che il prodotto finale vuole fornire un servizio utile, con l’intento di migliorarne il benessere.

Le opere in mostra documentano la metamorfosi espressiva di Martin, nell’esprimersi attraverso i progetti che grandi marchi e diverse realtà produttive gli hanno commissionato in più di sessant’anni:
AUTOMOBILI per Michelotti , Bertone, Pininfarina, De Tommaso, Lotus, etc.
MOTOCICLI per Moto Guzzi, Benelli, Piaggio, Gilera.
BICICLETTE per Cinelli, Colnago, 3ttt , Iscaselle.
BARCHE per Ferretti, Magnum Marine, Fountaine, Cigala & Bertinetti, FB Design.
INDUSTRIAL DESIGN per Sambonet, CIR Anthos, Reninghaus, Dachestain, Castelli.
La presentazione della tavola che ritrae la prima bozza autografa vicino al prodotto finale vuole testimoniare il valore che Paolo Martin ha sempre dato alla forza dell’idea primigenia, quella ispirata nel primo schizzo, visualizzata e condotta con coerenza sino alla realizzazione finale.
La sua progettazione è sintesi di un processo creativo/produttivo personale, originato nella visualizzazione del pensiero geometrico tridimensionale dell’oggetto. Questa capacità raffinatissima del pensare in tre dimensioni precede un’innata maestria a saper realizzare integralmente i modelli di progetto, spesso in legno massello dal pieno o in resine innovative autoprodotte.
Questa visualizzazione astratta, quasi onirica, del progetto, seguita dalla sua più concreta ed impeccabile realizzazione, rendono unico Paolo Martin nello scenario del design internazionale: tecnica, arte e manualità si incontrano magistralmente in un creativo inimitabile.

Avatar

Classe '76, Dottore di ricerca, libero professionista e Master Sommelier FIS, coltivo da sempre la passione del vino e delle auto d'epoca. In entrambi i settori concentro il mio interesse sulle produzioni italiane di eccellenza come strumenti di crescita economica e diffusione della nostra cultura nel mondo. Punti deboli? Le supercar '60 e '70 ed i grandi rossi dell'Etna!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *