People

Giorgetto Giugiaro a Brescia per i 40 anni di Lancia Delta

By  | 

Il Cav. Giorgetto Giugiaro fresco di 80 primavere, ha accettato l’invito del nuovo Centro Culturale “Franzoni Auto Divisione Classic” di Brescia, per venire a festeggiare i primi 40 anni di una delle vetture che oltre ad aver rilanciato il marchio Lancia alla fine degli anni ’70, è l’unica Lancia ad aver ottenuto il riconoscimento “Auto dell’Anno”, quello del 1980.

Sebbene Giugiaro non voglia far trasparire preferenze tra le varie vetture che ha disegnato, il fatto che abbia avuto e tenuto in collezione (fino a quando è rimasto in Italdesign), una Lancia Delta integrale nera, fa pensare ad una certa predilezione.

In collaborazione con RuotestoricheTV.it, il Cavalier Giugiaro ha registrato un’intervista che ha ripercorso, come in una fiction, partendo dalla consegna, nel 1999, a Las Vegas del premio “Cars Designer del Secolo”, eseguendo un rewind, la sua carriera dall’entrata con Dante Giacosa in Fiat nel settembre del 1955. Giugiaro ci ha detto che, e non poteva essere altrimenti, la sua prima auto è stata una Fiat 600. Ma nel 1972 ebbe anche una Porsche 911. Parlando della Delta ci racconta che il progetto fu seguito molto da vicino da Umberto Agnelli. Gli chiediamo del “giallo della coda posteriore”. Sorride, gli piace il termine “giallo” e ci racconta che gli fu richiesto il cambiamento della coda perché l’importatore francese voleva il portellone completo, preferibilmente a filo di carico.

Carlo Carugati, direttore del Centro Culturale, e proprietario di una Lancia Delta prima serie del 1980 che si era comprato iniziando a lavorare a 17 anni per l’emittente televisiva locale, è molto contento. Il Cav. Giugiaro dopo il primo incontro avuto nel 2013, grazie al comune amico Tom Tjaarda (il designer della Fiat 124 Sport Spyder), fece realizzare a Carugati il suo primo desiderio: alcuni scatti con la Delta, ed il suo designer. Nel 2017 l’invito, anticipato in occasione della consegna, nel febbraio 2017, presso il MAUTO di Torino, del premio “Matita d’Oro”, di venire a Brescia per festeggiare i 40 anni dalla presentazione al pubblico della Lancia Delta. Ed ecco che anche il secondo sogno si è realizzato e si è completato.

A fine intervista il Cavalier Giorgetto Giugiaro ha provato su strada, guidandola di persona, la Lancia Delta 1500 prima serie dopo 40 anni. La posizione di guida sportiva, il design del cruscotto sono secondo Giugiaro i due aspetti che sono più rappresentativi dell’interno di questa vettura. Senza trascurare la cura nella realizzazione dei sedili con un confort d’ammiraglia ed i vani portaoggetti e tasche dove poter mettere tante piccole cose.

E’ stata consegnata una Targa Ricordo al Cavalier Giugiaro con la motivazione: “ di “aver rilanciato con la Delta il marchio Lancia”. Dopo i saluti da parte del Sindaco di Brescia Emilio del Bono insieme ai Fondatori della Franzoni Auto, Pierino e Stefano Franzoni, e Pierangelo Pasini, il rinfresco, con taglio della torta preparata ed offerta dal Maestro dei Pasticcieri Iginio Massari. Nel pomeriggio, prima della partenza, Il Cavalier Giorgetto Giugiaro, con molta simpatia, ha intrattenuto i presenti con aneddoti dei rapporti con gli ingegneri, come l’austriaco Rudolf Hruska, per l’Alfasud, Orazio Satta per la 1750 Alfa Romeo, fino agli aneddoti personali con il racconto dell’acquisto della sua Villa, che voleva anche acquistare Gianni Agnelli.

Una giornata che è passata veloce, molto veloce, come tutte le cose belle. Grazie al Cavalier Giorgetto Giugiaro per aver voluto condividere questa festa per i 40 anni della Lancia Delta.

Aut

Classe ’61, sposato dal 1983 con due figli, ha esordito in ambito professionale in una emittente locale bresciana ove ha fatto esperienza a tutto campo fino ad arrivare al ruolo di segretario di produzione, per passare poi al settore commerciale Automotive dove nel 2006 ha maturato un Master in Gestione Commerciale d’Impresa. Dal 2007 si occupa in prevalenza di auto di interesse storico, sportive e da collezione. Attualmente è Project Manager della “Divisione Classic” di Franzoni Auto. Come giornalista non professionista scrive per alcune riviste di settore e si occupa anche della comunicazione aziendale per conto di alcune associazioni e club di auto storiche. Tra queste si segnala il suo contributo come Promoter della Fondazione “Giorgio Brunelli” per la Ricerca sulle Lesioni del Midollo Spinale” e la sua partecipazione attiva nel direttivo della A.A.V.S federata alla F.I.V.A. E’ inoltre Socio Onorario con incarico di Ufficio Stampa del Club Volkswagen Italia, Vice Presidente del Biturbo Club Italia, Ufficio Stampa dell’Opel Fans Italy e dell’artista Luana Raia “Eventi”.