Events

Il Biturbo Club Italia in visita al Museo Fisogni

By  | 

Per l’incontro di fine estate, il Biturbo Club Italia ha fatto tappa al Museo Fisogni di Tradate, uno dei musei più completi dedicati al settore della distribuzione del carburante.

A sfidare le avverse previsioni metereologiche una quindicina di equipaggi che spaziavano dalla Maserati Biturbo prima serie, anche in versione spyder Zagato, SI Black, Spyder I 18v, Racing, Ghibli GT, 3200 GT. Presenti anche una rara Quattroporte IV 2.800 automatica ed una Quattroporte V duo select.

Molta curiosità ed attenzione ha suscitato la visita guidata dal creatore e curatore del Museo, Guido Fisogni, che grazie a questa passione, nata nel 1966 in contemporanea alla sua attività professionale nel settore petrolifero ha ricercato, trovato, restaurato e catalogato più di 5000 oggetti tra pompe di benzina, targhe, grafiche, latte d’olio, oliatori, aerometri, compressori, estintori… e un incredibile numero di cartoline d’epoca e gadgets, ognuno raffigurante un logo di una società petrolifera dall’inizio del secolo scorso. Tra le targhe anche la pubblicità delle batterie e candele Maserati. Qualcuno con i capelli più grigi ha anche rivisto la stazione di servizio, in scala 1:43 con la quale giocava da piccolo… Piccoli tonfi al cuore!

Veniamo così a scoprire notizie storiche magari meno note, quali che i pionieri di questi dispositivi di distribuzione del carburante furono gli americani, ma che agli inizi, in Italia, il carburante si vendesse nelle farmacie e drogherie, questo è stato un dettaglio, veramente curioso. Non appena le strade si affollarono anche le colonnine fecero la loro comparsa: con l’esperienza americana alle spalle non c’era quasi più nulla da inventare. Tante le curiosità ed i dettagli che si possono apprendere in questo museo, sulla storia di un dispositivo che, oggi di conoscenza abituale, nel passato ha avuto variazioni estetiche, non solo legate ad esigenze tecniche ma in alcuni casi dettate da situazioni e regimi politici.

Ne è un esempio il Distributore Siliam, italiano del 1938 con illuminazione di stile vittoriano. Fatto “il pieno” di informazioni storiche su questo strumento di utilizzo periodico per le nostre vetture, la colonna di Tridenti si è messa in marcia direzione Gornate Olona, dove si è gustato l’apprezzato desco proposto da “Il Ristorantino” curato dal rinomato chef Luca Gordon Faccioli. Prossimo evento previsto sarà il pranzo degli auguri previsto per il 3 dicembre 2017.

Aut

Classe ’61, sposato dal 1983 con due figli, ha esordito in ambito professionale in una emittente locale bresciana ove ha fatto esperienza a tutto campo fino ad arrivare al ruolo di segretario di produzione, per passare poi al settore commerciale Automotive dove nel 2006 ha maturato un Master in Gestione Commerciale d’Impresa. Dal 2007 si occupa in prevalenza di auto di interesse storico, sportive e da collezione. Attualmente è Project Manager della “Divisione Classic” di Franzoni Auto. Come giornalista non professionista scrive per alcune riviste di settore e si occupa anche della comunicazione aziendale per conto di alcune associazioni e club di auto storiche. Tra queste si segnala il suo contributo come Promoter della Fondazione “Giorgio Brunelli” per la Ricerca sulle Lesioni del Midollo Spinale” e la sua partecipazione attiva nel direttivo della A.A.V.S federata alla F.I.V.A. E’ inoltre Socio Onorario con incarico di Ufficio Stampa del Club Volkswagen Italia, Vice Presidente del Biturbo Club Italia, Ufficio Stampa dell’Opel Fans Italy e dell’artista Luana Raia “Eventi”.