VinodiStile

Degustazione in Cantina: Azienda Agricola Uccellaia

By  | 

La cantina Uccellaia per noi di Vitadistile è stata davvero una piacevole scoperta, abbiamo realizzato questo post per raccontarvi come siamo stati accolti in questa azienda vinicola a conduzione famigliare e per descrivere l’atmosfera piacevole nella quale si viene immersi durante la visita, complici l’ambiente e la gentilezza dei proprietari.

Prima di addentrarci oltre è utile tuttavia fare un piccolo passo indietro per raccontarvi di come avevamo avuto occasione di conoscere Giulia, una delle attuali proprietarie che si occupa nell’azienda della comunicazione e della commercializzazione dei vini e che questo autunno inizierà il secondo corso per sommelier dell’AIS. Vi avevamo infatti già parlato di una delle nostre visite al Mercato dei Vini e dei vignaioli indipendenti organizzato dalla F.I.V.I. In tale occasione ci siamo avvicinati allo stand dell’Azienda Agricola Uccellaia,  dove abbiamo potuto parlare proprio con Giulia dell’ azienda, dei vini dell’Uccellaia, e di come questa azienda stesse cominciando a farsi conoscere sul territorio.

Un’azienda quella dell’Uccellaia, che definire agli inizi sarebbe poco corretto, ma che di certo ha subito una evoluzione non da poco negli ultimi anni e una storia particolare legata al nome ‘Uccellaia’. La tenuta infatti è stata sempre popolata da vari tipi di volatili tra i quali le rondini che erano solite nidificare in questa zona.DSC02406

L’Uccellaia infatti venne acquistata dagli attuali proprietari nel 1977 e già presentava una interessante distesa di vigneti, tuttavia nei primi anni la principale attività era rappresentata dall’allevamento di cavalli, una vera e propria passione che ancora oggi è testimoniata dalla presenza di un maneggio sul quale nel 2009 è stato installato un impianto fotovoltaico.

DSC02432

Nel 1998, quando è ricominciata la vinificazione del primo vino della nuova fase, il Rosso dell’Uccellaia (ottenuto da uve merlot e barbera), l’azienda ha scelto di passare dalla coltivazione tradizionale del vigneto alla coltivazione biologica. L’ambiente nel quale siamo stati accolti dopo una visita della tenuta rispecchia proprio questo tipo di atmosfera, ambiente accogliente e nello stesso tempo moderno con ampie vetrate che permette agli ospiti di ammirare i vigneti e boschi che circondano l’azienda mentre degustano i vini.

Con Giulia e suo marito Fabio superiamo fin dal primo momento la consueta formalità per dare spazio alle chiacchiere, alle impressioni sul mondo del vino e ovviamente per poter degustare insieme.

DSC02352

L’entusiasmo messo in azienda, anche per chi come Giulia e la sorella Lalli provengono da percorsi di studio molto distanti dal mondo agricolo ed enologico, di certo non manca, contribuendo a rendere questa azienda una testimonianza della volontà delle nuove generazioni di impegnarsi nel mondo complesso ma affascinante dell’agricoltura biologica nel rispetto della natura e dell’ambiente.

Vi segnaliamo in chiusura la gamma dei loro vini.

Rosso dell’Uccellaia IGT

  • NOME DEL VINO: Rosso dell’Uccellaia
  • UVA: Merlot e Barbera
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: ottenuto da uve Merlot e Barbera accuratamente selezionate, dopo la macerazione e la fermentazione, viene tenuto per dodici mesi in barriques di rovere francese, successivamente in botti di acciaio e poi affinato in bottiglia.
  • COLORE: rubino intenso.
  • GUSTO: pieno, lunga persistenza, legno ben amalgamato al frutto, tannini morbidi.
  • PROFUMO: frutti rossi, ribes in predominanza, note spezziate di menta e pepe nero.

Merlot Emilia IGT

  • NOME DEL VINO: Bauscia dell’Uccellaia
  • UVA: Merlot e piccola percentuale di croatina.
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: dopo una pigiatura soffice e una macerazione a temperatura di 25°C per sei giorni, il vino esaurisce lentamente la sua fermentazione a 18°C per mantenere inalterati i suoi aromi fruttati, passa tre mesi in barriques e viene successivamente imbottigliato a 18 mesi dalla vendemmia.
  • COLORE: rosso intenso brillante con tendenza al viola.
  • GUSTO: compatto, consistente.
  • PROFUMO: ampio e fragrante con note di frutti di bosco.


DSC02374

Gutturnio DOC Superiore

  • NOME DEL VINO: Gutturnium dell’Uccellaia
  • UVA: Barbera e Bonarda.
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: dopo la pigiatura, macerazione per 9 giorni con rimontaggi giornalieri. Fermentazione con lieviti selezionati a temperatura di 20-25°C. Segue piccola chiarifica, filtrazione finale e imbottigliamento nei primi mesi dell’anno.
  • COLORE: rosso porpora intenso.
  • GUSTO: ampio, pieno e armonico, la potenza alcolica si fonde nel finale di legno liquirizia.
  • PROFUMO: fresco e maturo al tempo stesso con la frutta e il cuoio che si fondono.

Rosato Emilia IGT

  • NOME DEL VINO: Cerasuolo dell’Uccellaia
  • UVA: Barbera, croatina e piccola percentuale di sauvignon.
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: dopo una brevissima macerazione e una pressatura delicata, la fermentazione è svolta a una temperatura controllata di 16‐18°.
  • COLORE: rosa brillante sfumato in rosso.
  • GUSTO: elegante, floreale e fruttato.
  • PROFUMO: petali di rosa e frutta candita.
  • NOME DEL VINO: Rosa Rosae Rosam dell’Uccellaia
  • UVA: Barbera, croatina e Sauvignon.
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: dopo una brevissima macerazione e una pressatura delicata la prima fermentazione è svolta a una temperatura di 16-18°C. La seconda fermentazione avviene in serbatoi a pressione per 6 mesi.
  • COLORE: amarena scintillante, finissimo perlage.
  • GUSTO: elegante e persistente, piacevolmente secco.
  • PROFUMO: di notevole intensità e pienezza con sentori di miele e rosa.

DSC02361

Bianco Emilia IGT

  • NOME DEL VINO: Brut Uccellaia
  • UVA: Barbera, Sauvignon e piccola percentuale di Malvasia di Candia.
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: pressatura delicata, la prima fermentazione a temperatura di 16‐18°C. La seconda fermentazione avviene in serbatoi a pressione per sei mesi.
  • COLORE: giallo paglierino tenue con riflessi verdognoli.
  • GUSTO: molto gradevole al palato per intensità compattezza ed equilibrio.
  • PROFUMO: fresco con sentore di fiori di campo.
  • NOME DEL VINO: Araballo dell’Uccellaia
  • UVA: Malvasia di Candia e Sauvignon.
  • TECNOLOGIA DI PRODUZIONE: raccolta manuale delle uve con una selezione dei grappoli. Pigia di raspatura e pressatura soffice in pressa pneumatica, decantazione statica a freddo in una notte. Fermentazione a temperatura controllata (14-16°C). Infine travaso dopo alcuni giorni dalla fine della fermentazione e affinamento in acciaio per 5 mesi circa.
  • COLORE: giallo paglierino.
  • GUSTO: buon equilibrio gustativo tra acidità e struttura del vino. Di buona lunghezza, fresco e croccante al palato.
  • PROFUMO: al naso sentori di fiori bianchi e leggera frutta esotica.

Ringraziamo Giulia e suo marito per averci accolto e per averci permesso di raccontarvi questa tenuta, che vi consigliamo di vistare.

Aut

Classe 1988, nato a Piacenza, golfista in erba. Formazione classica con tesina di maturità su Gianni Agnelli e laurea in giurisprudenza. La passione per l’antiquariato è di famiglia, passando per le macchine fotografiche anni ’50 – ’70, arrivo al motorismo d’epoca. Ho partecipato di recente alla 13 Chilometri Bobbio-Penice, gara di regolarità nella quale, sprovvisto di cronometro, tenevo il tempo con un automatico anni sessanta. Piazzamento dignitoso, giuria incredula!