Must

Piergiorgi, la boutique dello scatto fisso

By  | 

Boutique: un termine solitamente utilizzato per parlare di negozi dedicati all’abbigliamento o agli accessori moda. Una parola che però si ritaglia una nuova dimensione, un nuovo spazio: poco importa se è quello piccolo di un piccolo negozietto a pochi minuti dal centro di Piacenza. Cyclestore by Piergiorgi rappresenta una novità, un nuovo modo di vedere la bicicletta sull’onda del fenomeno “scatto fisso” (o, per chi va di corsa e preferisce l’ingelse, fixed) che, pedalata dopo pedalata, sta conquistando anche i giovani – e non solo – del nostro paese.

Scatto fisso

Luca Piergiorgi è il più giovane rappresentante di una famiglia che da sempre lega il suo nome alle due ruote. La sua storia è un po’ diversa da quanto si potrebbe pensare: Luca per anni ha infatti lavorato in un negozio di abbigliamento non dimenticando però la bicicletta. Anzi, ha fatto qualcosa di più: perché non prendere le conoscenze e le capacità acquisite dalla famiglia in anni di lavoro e fonderle con il mondo del design e della moda?

L’idea prende corpo e ad Aprile ecco che Cyclestore apre la sua porta ai tanti appassionati di scatto fisso che a Piacenza ancora non avevano trovato una casa. Luca mi accoglie nella sua piccola bottega dove ogni centimetro di negozio ha il gusto di vintage: si passa da bici realizzate con telai d’epoca alle fixed più moderne personalizzabili in ogni modo possibile: dalla sellino al colore del telaio passando per i cerchi.
La filosofia che Luca vuole proporre è piuttosto semplice ma al contempo innovativa, sulla scia di un movimento che soltanto da qualche anno fa proseliti in Italia: trasformare la bici in oggetto di design. Non solo un mezzo di trasporto che rispetta l’ambiente e costa il giusto ma anche un must che strappa simpatia e colora le vie della città. Oltre a tenere in allenamento naturalmente!

«Voglio comprarmi una scatto fisso»: se questo è il vostro desiderio, avrete diverse opportunità una volta entrati nella boutique di Piergiorgi. Potrete optare per un telaio moderno oppure sceglierne uno d’annata prima rimesso a nuovo e poi trattato dallo stesso Luca per ottenere un effetto vintage. Naturalmente è anche disponibile componentistica d’epoca: quella stessa componentistica che la famiglia Piergiorgi conserva gelosamente nel negozio di via Gaspare Landi. Negozio che è stata conservata mantenendo quasi del tutto inalterati arredamento e pavimentazione.
Preferite una classica city bike? Non c’è nessun problema: nel negozio troverete infatti anche bici classiche da uomo e da donna.

Scatto fisso

Attenzione alle nuove tendenze che si fonde con la celebrazione del passato: la famiglia Piergiorgi è infatti ancora oggi depositaria del marchio Omega, da sempre sinonimo di citybike classiche in città e non solo. Ancora oggi, ad inizio 2015, quel marchio ritirato dal nonno di Luca negli anni Cinquanta fa bella mostra di sé in vetrina insieme alle eleganti selle Brooks.

Lasciamo però un attimo da parte il passato e guardiamo al presente: Luca è stato tra gli organizzatori della prima alley cat piacentina a fine ottobre. Alley cat? Il termine potrebbe suonare nuovo per chi poco conosce le scatto fisso. In poche parole si tratta di sfide organizzate a partire dagli anni Ottanta negli Stati Uniti: a darsi battaglia sono fixer, i quali devono effettuare nel minor tempo possibile un determinato numero di consegne in punti fissati su una mappa.
Conta certo la velocità ma soprattutto la conoscenza della città e di scorciatoie che solo chi pedala è in grado di scovare. Una competizione che Luca pensa già di replicare nel 2015.

viscontea2

Una piccola chicca: ogni partecipante ha inserito nel cerchio posteriore uno dei piccoli tagliandi ritratti nella foto a fianco del catalogo Viscontea. Il motto della competizione si racchiude in sole tre lettere: «HVB». Il significato è il più chiaro possibile per tutti i ciclisti: «Hai voluto la bicicletta»…e adesso pedala! Magari su una scatto fisso, perché no?

Aut

Classe 1988, nato a Piacenza, sono dottore in Giurisprudenza e redattore per Sportpiacenza.it. Collaboro attivamente con un forum di Fantacalcio e scrivo pezzi, dai contorni semi-seri, dedicati alla mia città. Appassionato di informatica, fantascienza in ogni sua declinazione e teatro mi sono avvicinato soltanto da poco al mondo dell’auto d’epoca.
Inguaribile nostalgico, setaccio la rete a caccia di video di Gran Premi anni ‘70 e rally che hanno fatto storia. Come sogno nel cassetto ho una muscle car, magari una Corvette di fine anni Sessanta.