Film

The Wolf of Wall Street

By  | 

Le mani di un maestro del cinema unite alla professionalità carismatica di un DiCaprio che sfodera con disinvoltura ogni registro interpretativo, sono gli ingredienti di un cocktail vincente, che ha per nome The wolf of wall street. Un film che abbraccia le classiche tematiche del cinema scorsesiano, soprattutto nella sua capacità di raccontare l’ascesa e la discesa di un personaggio; ma che colora i sui confini di tinte nuove. Sfrontatezza ed eccentricità caratterizzano questo film, profondamente desiderato da DiCaprio e da lui stesso prodotto.

THE WOLF OF WALL STREET

Jordan Belfort, è un broker. Un uomo che vive da protagonista la sua vita. Un vero e proprio show man che ci accompagna durante tutto il film, volgendo spesso alla camera il suo sguardo ed i suoi pensieri, attraverso una giungla di effimeri desideri che ne sigillano il passaggio verso la strada del peccato. Una vera e propria tribù, in cui Mark Hanna (Matthew McCounaghey) un sovraeccitato lucignolo, inizia Jordan ai segreti nebulosi del mondo del brokeraggio e della Babilonica Wall Street degli anni ’90. Strani festini in ufficio, nani che vengono lanciati al bersaglio, sesso, droga e masturbazioni diventano ben presto gli ingredienti chiave che colorano le giornate di Jordan e dei suoi amorali collaboratori. Con uno Scorsese che difficilmente lo si immaginava, prima di adesso, nel raffigurare orifizi e voluttuose nudità.

1441533_649800578374067_825115132_n

Una tragicomica avventura che forse troppo poco riflette su imperativi di ordine morale ma che proclama la venerazione del Dio denaro. Soldi, yatch e auto di lusso sono figlie di un bisogno, quella stessa creazione di bisogno necessario anche nella compravendita di una semplice penna. Ma perché un appassionato di auto d’epoca dovrebbe essere interessato a questo film, se non per godere della visione di splendide auto, in un circo bulimico di smagliante squallore? Tutto si colora di incertezze. Ferrari 512 TR rosse ma che in realtà sono bianche. Lamborghini Countach “intere” ma che in realtà sono distrutte a causa di una guida veicolata da fiumi di droghe. Jaguare E-Type gialle che simboleggiano il successo ricercato ed ottenuto di un personaggio che finirà per perdersi nelle file di quel gioco di equivoci ed inganni che lui stesso conduce.

wolf-wall-st-jaguar-2

wolf-wall-street-jag-2

Insomma il film di Scorsese è un’esaltazione chiassosa di eccessi, con un’apparente superficialità che riesce a scavare nel profondo. È un fiume di assurde analogie (si pensi all’accostamento tra spinaci di Braccio di Ferro e cocaina), in cui tutto ciò che è raffigurato non è quel che sembra. È un artificio di scene con un montaggio che ridicolizza e sconfessa quella realtà distorta che appare attraverso gli occhi del protagonista. È un uragano vertiginoso di droghe che permettono allo spettatore di “non morire sobrio”.

wolf-wall-street-lambo-2

 

Aut

Classe (da vendere!) 1989, nata a Catanzaro. Laureata in Organizzazione delle amministrazioni pubbliche e private ed in Scienze del lavoro. Sono un’appassionata di cinema vecchio stile. Considero Ingmar Bergman un maestro ed ogni tanto mi perdo a guardare qualche suo vecchio film. Mi piace ascoltare la musica e collezionare vecchi LP. La mia professione? Dispensatrice di consigli ai bisognosi e ascoltatrice DOC. Adoro la moda e i tacchi a spillo. Amo follemente tutto ciò che è poesia e nel tempo libero mi diletto a scrivere versi, che prima o poi farò leggere a qualcuno. Impazzisco per i libri e sono assolutamente convinta che prima o poi andrò a vivere in Provenza (con la mia amica Giulia) a stendere lenzuola bianche in un prato di lavanda.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *