Film

CAR, GUYS AND DOLLS – Il Grande Gatsby

By  | 

Auto sfavillanti, uomini che rincorrono la donna sbagliata e bambole assetate di denaro. Sono questi gli elementi chiave della quarta rivisitazione, questa volta in chiave pop, del romanzo di Francis Scott Fitzgerald, “The Great Gatsby”.

600840_539739899410690_1927203721_n

Dietro le mani di un eccentrico Buz Luhrmann, si riscopre un cast d’eccezione (DiCaprio, Maguire, Mulligan). Ogni personaggio si muove egregiamente sullo sfondo degli anni ’20: gli anni che assaporano i primi suoni del jazz, che raccontano di un’allegria smodata a passi di charleston e che lasciano spazio a nuove fortune, a nuovi ricchi. Sono gli anni del boom economico. Gli anni del proibizionismo, dei contrabbandieri di alcolici e di un lusso ostentato che fa capolino alle porte di una grande depressione.

cms-image-001736447

Il regista australiano ha costruito un film molto curato dal punto di vista estetico e visivo con una tecnologia 3D che esalta le forme e i movimenti. Gioielli di lusso, realizzati appositamente da Tiffany, si affiancano a gioielli di metallo. Le automobili sfrecciano indisciplinate su un asfalto che non le riesce a contenere. Tra tutte, spunta indiscussa una Duesenberg Convertible del 1929, gialla! Una “licenza poetica” la definirebbero gli amanti della letteratura, visto che il film (così come il romanzo) è ambientato nel 1922. Anacronismo a parte, la Duesenberg si sposa a pennello col personaggio. È un’auto che rappresenta il non plus ultra nelle mani di un Jay Gatsby nato povero e arricchitosi con tutti i mezzi possibili, solo per arrivare a Daisy. Un’auto interamente costruita a mano, sogno delle élite dell’epoca. Una vettura rarissima che, attualmente, ha una quotazione di circa 3 milioni di dollari e all’epoca ne costava 19 mila.

HBKfI19e_Pxgen_r_964x541

Accanto ad essa sfrecciano virili e incontrollate una Buick del 1930, una Auburn del 1933, una Ford Model A e una Packards.

830833-great-gatsby

Automobili, party e camicie sono tutte simbolo di una storia di illusioni e di ricordi, raccontata attraverso gli occhi di uno scanzonato agente di borsa, Nick Carraway, che si trasferisce sulla costa settentrionale di Long Island, nel West Egg alla ricerca del suo sogno americano. Lui è l’unico che riesce a guardare oltre le luci accattivanti della ribalta, l’unico che scorge il reale desiderio di Gatsby: la vana illusione di ritrovare l’amore puro.

LOVE-the-great-gatsby-2012-34532677-2560-1600

Destinato ad una fine tragica, Gatsby lascia un’impronta solo nel cuore di Nick, sempre più consapevole di un passato ormai sfuggito. “Domani correremo più forte”, afferma l’amico-narratore, discreto e razionale, segno di un futuro desiderio di speranza. Magari a bordo di una sfavillante auto d’epoca, aggiungeremmo noi, che niente altro racconta, in questo caso, se non del desiderio di apparire, agli occhi di qualcuno che riesce ad amare solo il freddo denaro.

Jay-Nick-the-great-gatsby-2012-34724036-1920-1200

Aut

Classe (da vendere!) 1989, nata a Catanzaro. Laureata in Organizzazione delle amministrazioni pubbliche e private ed in Scienze del lavoro. Sono un’appassionata di cinema vecchio stile. Considero Ingmar Bergman un maestro ed ogni tanto mi perdo a guardare qualche suo vecchio film. Mi piace ascoltare la musica e collezionare vecchi LP. La mia professione? Dispensatrice di consigli ai bisognosi e ascoltatrice DOC. Adoro la moda e i tacchi a spillo. Amo follemente tutto ciò che è poesia e nel tempo libero mi diletto a scrivere versi, che prima o poi farò leggere a qualcuno. Impazzisco per i libri e sono assolutamente convinta che prima o poi andrò a vivere in Provenza (con la mia amica Giulia) a stendere lenzuola bianche in un prato di lavanda.

2 Comments

  1. Pingback: Monza Rally Show 2013

  2. Pingback: Concorso d'Eleganza Villa d'Este 2014: un evento da non perdere

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *